Qui e ora – La Stampa gennaio 2013

  • Version
  • Scarica 2
  • Dimensioni file 134.25 KB
  • File Count 1
  • Data di Pubblicazione 27 Marzo 2017
  • Ultimo aggiornamento 2 Aprile 2017

Qui e ora - La Stampa gennaio 2013

La Stampa - 25 gennaio 2013

"Qui e Ora": Mastandrea dalla tv al palcoscenico
Una commedia grottesca con finale a sorpresa

Cracco, Vissani e co., sappiatelo: la vostra nemesi può attendervi dietro l'angolo di una strada, quando meno ve lo aspettate. Lo suggerisce "Qui e ora", testo inedito di Mattia Torre (uno degli autori della serie "Boris") che Valerio Mastandrea mette in scena e interpreta insieme a Valerio Aprea. Una commedia folgorante e grottesca che fotografa un frammento dell'esistente che potremmo essere tutti sordi ed egoisti, arroganti e vendicativi, uno dei cui spunti è l'insopportabile deriva presa dal parlare di cibo e cucina in tv.
Un crash, una gran nuvola di polvere, silenzio. Sullo sfondo del palco la scultura impennata e collassata di due scooter. Due uomini a terra. Poi un cellulare squilla. Un corpo si muove, una voce risponde: "Ho fatto il botto col motorino. Sto bene, sono in piedi. Arrivo". Seconda telefonata al 118 per denunciare l'incidente e chiedere un'ambulanza. "C'è un morto e a me fa molto male la caviglia". Da questo momento in poi la vicenda si tinge sempre più dei colori dell'assurdo: la periferia romana è desolata e deserta, le ambulanze non arrivano perchè impiegate per la parata del 2 giugno. Anche il "morto" si dimostra vivo benché molto acciaccato. Tra i due incidentati si stabilisce un dialogo improbabile e paradossale, in quella che ben presto assumerà anche le caratteristiche di una contrapposizione di classe.
Il primo, sproloquiante, esagitato (Mastandrea) è "chef motivazionale" radiofonico-televisivo di successo, "uomo - come lui stesso si definisce - che emerge dalla mischia palla al piede" e va sempre in rete. L'altro (Aprea) è un proletario disoccupato, lagnoso e vittimista, perdente per antonomasia. Il tempo passa: il vincente si infiacchische, l'altro prende forza. Un ribaltamento dei ruoli abbastanza prevedibile, ben gestito dai due interpreti, che lascia spazio a un piccolo colpo di scena finale.

Adriana Marmiroli

Tournée

In ottemperanza alle disposizioni del DPCM emanato il 25 ottobre 2020 contenente le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, siamo nuovamente costretti a sospendere fino al 24 novembre 2020 tutti gli spettacoli teatrali in tournée, nonché gli eventi aperti al pubblico: esiti, laboratori e attività parallele.
Il provvedimento lede un settore ed una fetta di economia nazionale importante, evidentemente sottostimata nella movimentazione e nei numeri che da sola produce.
Continuiamo ad essere percepiti come “svago” e non valore. ( per fermarci alle considerazioni economiche)
Ripartire sarà sempre più complicato soprattutto per realtà come la nostra che non godono del contributo FUS, nè di tutti i ristori e le agevolazioni che il Ministero dei beni culturali ha garantito ai teatri pubblici.
Confidiamo che la sospensione temporanea consideri e contempli i recuperi delle attività nei prossimi mesi,non vanificando il durissimo lavoro che abbiamo svolto a partire nuovamente da giugno.
Ci fermiamo, con grande tristezza e con un senso di profonda incertezza che viene dal non confronto scelto dalla politica rispetto a soluzioni condivise con gli operatori del settore.
Speriamo di ritrovarci presto, nel solo luogo dove sappiamo pensarci insieme: a teatro.

In ottemperanza alle disposizioni del DPCM emanato il 25 ottobre 2020 contenente le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, siamo nuovamente costretti a sospendere fino al 24 novembre 2020 tutti gli spettacoli teatrali in tournée, nonché gli eventi aperti al pubblico: esiti, laboratori e attività parallele.
Il provvedimento lede un settore ed una fetta di economia nazionale importante, evidentemente sottostimata nella movimentazione e nei numeri che da sola produce.
Continuiamo ad essere percepiti come “svago” e non valore. ( per fermarci alle considerazioni economiche)
Ripartire sarà sempre più complicato soprattutto per realtà come la nostra che non godono del contributo FUS, nè di tutti i ristori e le agevolazioni che il Ministero dei beni culturali ha garantito ai teatri pubblici.
Confidiamo che la sospensione temporanea consideri e contempli i recuperi delle attività nei prossimi mesi,non vanificando il durissimo lavoro che abbiamo svolto a partire nuovamente da giugno.
Ci fermiamo, con grande tristezza e con un senso di profonda incertezza che viene dal non confronto scelto dalla politica rispetto a soluzioni condivise con gli operatori del settore.
Speriamo di ritrovarci presto, nel solo luogo dove sappiamo pensarci insieme: a teatro.