Novantadue – Adnkronos 27/04/2017

  • Version
  • Scarica
  • Dimensioni file 433.34 KB
  • File Count
  • Data di Pubblicazione 8 Maggio 2017
  • Ultimo aggiornamento 8 Maggio 2017

Novantadue - Adnkronos 27/04/2017

ADN KRONOS 27/04/2017

Al teatro Quarticciolo di Roma 'Novantadue', Falcone e Borsellino 25 anni dopo
Il testo di Fava in scena fino al 30 al Teatro Quarticciolo

Uomini, non icone. Questo il senso del racconto di "Novantadue - Falcone e Borsellino 25 anni dopo", testo che per la prima volta approda a Roma, dove sarà in scena da domani e fino a domenica 30 al Teatro Quarticciolo di Roma. Con all'orizzonte il sacrificio dei due magistrati, 'Novantadue' - scritto da Claudio Fava, figlio di un'altra vittima illustre della mafia, ma anche intellettuale e politico che a questa battaglia ha dedicato la sua vita - punta a raccontare un momento chiave del percorso di Falcone e Borsellino, ovvero il periodo in cui i due nell’estate 1985 si ritrovarono all’Asinara per completare l’istruttoria del Maxi Processo.
Due uomini rinchiusi - a loro modo 'prigionieri' soprattutto del loro destino - nel carcere di massima sicurezza, inviati dal giudice Caponnetto, per garantire la loro incolumità, dopo l’omicidio del capo della squadra mobile di Palermo Ninni Cassarà.
Un testo - ha spiegato Fava - "per andare oltre il mito" di Falcone e Borsellino "raccontando la loro dimensione più autentica e quotidiana, che nulla toglie o sottrae alla loro battaglia ma li completa come esseri umani".
Un lavoro che - sottolinea l'autore - "nasce dal desiderio di raccontare la dimensione umana di Falcone e Borsellino, fatta di vitalità, di solitudine, di senso profondo senso del dovere: un rapporto di amicizia che non può essere cristallizzato in un fermo immagine ma nasce da un'idea di militanza civile e umana di cui non sempre ci arriva tutto il senso e tutta la forza".
L'atto unico, prodotto da Bam Teatro, è interpretato da Filippo Dini, Giovanni Moschella e Pierluigi Corallo, mentre la regia e l'adattamento sono di Marcello Cotugno che spiega come "una storia del genere non si può raccontare con la retorica e per questo il nostro spettacolo trova la sua cifra estetica nell’essenzialità, funzionale a uno scavo profondo nell’intimità di due esseri umani".

Tournée

In ottemperanza alle disposizioni del DPCM emanato il 25 ottobre 2020 contenente le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, siamo nuovamente costretti a sospendere fino al 24 novembre 2020 tutti gli spettacoli teatrali in tournée, nonché gli eventi aperti al pubblico: esiti, laboratori e attività parallele.
Il provvedimento lede un settore ed una fetta di economia nazionale importante, evidentemente sottostimata nella movimentazione e nei numeri che da sola produce.
Continuiamo ad essere percepiti come “svago” e non valore. ( per fermarci alle considerazioni economiche)
Ripartire sarà sempre più complicato soprattutto per realtà come la nostra che non godono del contributo FUS, nè di tutti i ristori e le agevolazioni che il Ministero dei beni culturali ha garantito ai teatri pubblici.
Confidiamo che la sospensione temporanea consideri e contempli i recuperi delle attività nei prossimi mesi,non vanificando il durissimo lavoro che abbiamo svolto a partire nuovamente da giugno.
Ci fermiamo, con grande tristezza e con un senso di profonda incertezza che viene dal non confronto scelto dalla politica rispetto a soluzioni condivise con gli operatori del settore.
Speriamo di ritrovarci presto, nel solo luogo dove sappiamo pensarci insieme: a teatro.

In ottemperanza alle disposizioni del DPCM emanato il 25 ottobre 2020 contenente le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, siamo nuovamente costretti a sospendere fino al 24 novembre 2020 tutti gli spettacoli teatrali in tournée, nonché gli eventi aperti al pubblico: esiti, laboratori e attività parallele.
Il provvedimento lede un settore ed una fetta di economia nazionale importante, evidentemente sottostimata nella movimentazione e nei numeri che da sola produce.
Continuiamo ad essere percepiti come “svago” e non valore. ( per fermarci alle considerazioni economiche)
Ripartire sarà sempre più complicato soprattutto per realtà come la nostra che non godono del contributo FUS, nè di tutti i ristori e le agevolazioni che il Ministero dei beni culturali ha garantito ai teatri pubblici.
Confidiamo che la sospensione temporanea consideri e contempli i recuperi delle attività nei prossimi mesi,non vanificando il durissimo lavoro che abbiamo svolto a partire nuovamente da giugno.
Ci fermiamo, con grande tristezza e con un senso di profonda incertezza che viene dal non confronto scelto dalla politica rispetto a soluzioni condivise con gli operatori del settore.
Speriamo di ritrovarci presto, nel solo luogo dove sappiamo pensarci insieme: a teatro.