Best Friend

Best Friend
di Giuseppe Tantillo

Testo inedito – novità italiana

Con Claudio Gioè e Giuseppe Tantillo
Scene di Antonio Panzuto
Costumi di Alessandro Lai
Luci di Paolo Pollo Rodighiero
Regia di Daniele Muratore e Giuseppe Tantillo
Menzione Speciale 52^ Premio Riccione – Pier Vittorio Tondelli 2013
Produzione BAM teatro

Debutto nazionale Roma gennaio 2014

Cris e Davi hanno dieci anni e se lo dicono spesso, quasi fosse un mantra.
In questo bisogno di affermarlo, risiede la loro prima dichiarazione di libertà. Scegliere l’amico del cuore è infatti la prima grande decisione autonoma che la vita ci chiede di prendere. Da quel momento, ad ogni azione corrisponde una conseguenza e la ricerca di se stessi può avere inizio. Il racconto di tre stagioni della loro vita, in attesa dell’estate, scandisce un mondo di scoperte: l’amore, il sesso, la morte, la separazione.

“ … per il vibrante e disarmato lirismo della sua clownerie grottesca e surreale, capace di demistificare con piglio ludico il mito della eternità dei legami, con la totale inverosimiglianza del suo linguaggio e delle sue situazioni” (Menzione speciale Premio Riccione 2013)

VIDEO

Categorie: Portfolio

In ottemperanza alle disposizioni del DPCM emanato il 25 ottobre 2020 contenente le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, siamo nuovamente costretti a sospendere fino al 24 novembre 2020 tutti gli spettacoli teatrali in tournée, nonché gli eventi aperti al pubblico: esiti, laboratori e attività parallele.
Il provvedimento lede un settore ed una fetta di economia nazionale importante, evidentemente sottostimata nella movimentazione e nei numeri che da sola produce.
Continuiamo ad essere percepiti come “svago” e non valore. ( per fermarci alle considerazioni economiche)
Ripartire sarà sempre più complicato soprattutto per realtà come la nostra che non godono del contributo FUS, nè di tutti i ristori e le agevolazioni che il Ministero dei beni culturali ha garantito ai teatri pubblici.
Confidiamo che la sospensione temporanea consideri e contempli i recuperi delle attività nei prossimi mesi,non vanificando il durissimo lavoro che abbiamo svolto a partire nuovamente da giugno.
Ci fermiamo, con grande tristezza e con un senso di profonda incertezza che viene dal non confronto scelto dalla politica rispetto a soluzioni condivise con gli operatori del settore.
Speriamo di ritrovarci presto, nel solo luogo dove sappiamo pensarci insieme: a teatro.

In ottemperanza alle disposizioni del DPCM emanato il 25 ottobre 2020 contenente le misure per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da Covid-19, siamo nuovamente costretti a sospendere fino al 24 novembre 2020 tutti gli spettacoli teatrali in tournée, nonché gli eventi aperti al pubblico: esiti, laboratori e attività parallele.
Il provvedimento lede un settore ed una fetta di economia nazionale importante, evidentemente sottostimata nella movimentazione e nei numeri che da sola produce.
Continuiamo ad essere percepiti come “svago” e non valore. ( per fermarci alle considerazioni economiche)
Ripartire sarà sempre più complicato soprattutto per realtà come la nostra che non godono del contributo FUS, nè di tutti i ristori e le agevolazioni che il Ministero dei beni culturali ha garantito ai teatri pubblici.
Confidiamo che la sospensione temporanea consideri e contempli i recuperi delle attività nei prossimi mesi,non vanificando il durissimo lavoro che abbiamo svolto a partire nuovamente da giugno.
Ci fermiamo, con grande tristezza e con un senso di profonda incertezza che viene dal non confronto scelto dalla politica rispetto a soluzioni condivise con gli operatori del settore.
Speriamo di ritrovarci presto, nel solo luogo dove sappiamo pensarci insieme: a teatro.